risparmio ed occupazione

a disposizione delle proposte e delle idee di tutti. Verranno pubblicate nel sito per confronti e suggerimenti Ce la si può fare! Marino SUGGERIMENTI
1. Individuazione degli enti inutili
2. Eliminazione degli uffici e dei privilegi ai parlamentari e ai politici che hanno concluso il mandato (vedi segnalazioni fatte dalla tv sul mantenimento di uffici e personale di ex politici e parlamentari.
3. ottimizzazione del personale dei comuni, degli enti e delle regioni. Troppo personale pagato da noi abbiamo, i 5% di personale statale rispetto la popolazione e in molti casi facciamo code e spendiamo un sacco di tempo
4. Recupero e ottimizzazione del personale pubblico
5. Favorire ed aiutare associazioni varie al fine di recuperare aree, zone abbandonate per dare alla comunità posti di aggregazione sociale. Il fine è quello di accompagnare e persone e giovani e non farle sentire sole. Mettendo le gambe alle idee più valide si andrebbero a creare nuovi posti di lavoro e mestieri. Dare per questo contributi a fondo perduto a giovani o a disoccupati propositivi. La fantasia e la creatività ITALIANA ritornerebbe a crescere in un momento di crisi economica.
6. nuove case: adottare il sistema di alcuni paesi del nord/centro Europa. Per la realizzazione di nuove costruzioni è sufficiente fornirsi di un progetto,anche fotocopiato di altre realizzazioni, avere l’area per realizzarlo, presentarlo all’ufficio tecnico ed in 15 giorni ricevere il consenso o meno per la realizzazione. I progettisti o le idee stravaganti e contorte di qualche progettista comunale verrebbero accantonate limitando i costi alla sola realizzazione. Oggi per realizzare una finestra di casa o la cuccia del cane servono troppe carte e permessi e tempi biblici.
7. contabilità di ditte e aziende. Negli Stati Uniti la contabilità delle aziende è seguita da funzionari statali. I commercialisti consigliano e possono seguire le aziende ma non le aiutano a trovare strategie per evadere le imposte. Segnalano al fisco situazioni di evasione o di elusione. Cosi facendo la tassazione ovviamente scende per tutti e si limitano i costi per il mantenimento della contabilità. Basta condoni!! Si prendono in giro gli onesti.
8. Zero tasse per le nuove aziende per un periodo di due anni, per chi affida la propria contabilità e i bilanci ad istituzioni, tipo la Guardia di Finanza. La massima trasparenza va premiata!
9. pensare al futuro realizzando strategie verdi, recuperando l’ambiente che ci circonda ci potrebbe fare del bene. Esempio: l’agricoltura oggi ha raggiunto livelli di meccanizzazione impensabili anni fa. Di contro se un giovane intendesse provare una strada utilizzando aree di terreno per realizzare culture o progetti nel verde, troverebbe la strada sbarrata dal fatto che il terreno costa troppo. Oggi tanti utilizzatori di terreno non trovando un valido guadagno dalla coltivazione della terra la trascurano e la lasciano incolta, troppi casi di figli che non avendo soddisfazione e motivazione abbandonano la terra. È possibile fare avvicinare la riscoperta di aree a favore di chi volesse intraprendere questa strada? Un sistema potrebbe essere quello di obbligare chi coltiva la terra (ormai i veri agricoltori che vivono dei prodotti della terra sono rimasti pochi) nella realizzare 1000 metri quadri di bosco ogni ettaro di terra posseduto. Il bosco potrebbe essere adottato anche distante dal possedimento, ad esempio nelle aree golenali, nelle aree di montagna abbandonate dalle popolazioni, in campagne di vecchi agricoltori che si rendessero disponibili instaurando nuove collaborazioni e associazioni. Potremmo recuperare e valorizzare i paesaggi degradati del nostro paese occupando nuove persone per la manutenzione ed il taglio della legna, ricreando un mercato di energie rinnovabili. Questo vincolo, i 1000 metri quadri a bosco, costringerebbero chi non trova un adeguato reddito dalla conduzione del terreno a venderlo o darlo in affitto causando un abbassamento dei prezzi del costo della terra, favorendo così nuovi imprenditori ad un lavoro con molteplici sbocchi o nuove coltivazioni. Secondo me si possono creare migliaia di nuovi posti di lavoro in poco tempo. Ci si avvicinerebbe così ai parametri imposti dal protocollo di kyoto, parametri che se nel tempo non venissero raggiunti ci caricherebbero nuove multe.
Conosco persone che possiedono grossi appezzamenti di terreno (un paio ne hanno oltre 450 ettari) che hanno investito sulla terra. Lasciamo alla comunità europea eu 109,50 a testa all’anno per la pac, psr ecc. Ad uno di questi possessori di terreno, che la fanno lavorare a terzisti, con 450 ettari la comunità dona 400 eu all’ettaro per un totale di eu 180.000 annui. A voi i conti
link di approfondimento http://europa.eu/rapid/press-release_MEMO-13-631_it.htm

Lascia un commento

chi ruba è un ladro e gli incompetenti a casa