cambiamo il paese ?!

idee, proposte e suggerimenti per chi vuol provare a cambiare il domani
lettera inviata al presidente della repubblica e ai giornali

Alla cortese attenzione Mirano 07/04/2013
Del Presidente della Repubblica Italiana.

Sono un piccolo imprenditore, opero nel settore agricolo e sono il presidente di una nuova associazione sportiva che in un anno e mezzo ha raccolto oltre 1500 iscritti.
Signor presidente, le scrivo per comunicarle un progetto che potrebbe dare occupazione a migliaia di persone.
In questo momento di particolare generale preoccupazione per il futuro della gente Italiana, mi permetto di suggerire un sistema che potrebbe creare almeno 10000 posti di lavoro subito e qualche centinaio di migliaia in cinque anni a costo zero, o con un costo molto contenuto.
Il progetto è esposto in un sito che ho creato all’inizio di questo anno, si trova all’indirizzo: www.comunidelmiranese.it nel capitolo:RISPARMIO ED OCCUPAZIONE al capitolo 9.
Alcune idee pubblicate nel sito mi sembra siano state adottate dalle proposte dei partiti.
Per sbloccare questa situazione, considerando la Sua Posizione, azzarderei un’altra proposta che potrà essere definita coraggiosa e per la gente.
Fatto salvo il voto degli elettori, metterei una decina di piccoli imprenditori al governo del paese con l’impegno scritto, da parte di questi, che al conseguimento di obiettivi come: AUMENTO DELL’OCCUPAZIONE di un 3/5% e aumento del pil di 2 punti, potrebbero ricevere un cospicuo premio consistente in un importo pari a 10 volte il fatturato del precedente anno.
Solo chi merita deve essere premiato, sono un continuo scandalo i vari compensi elargiti a manager anche con risultati disastrosi nelle loro peripezie insensate.
Sperando di poter contribuire al rialzare la testa del paese nei confronti del mondo Le porgo i miei più cordiali saluti.
Marino Dalle Fratte
Via Desman 57/ a
30030 Mirano Ve
Cell 3319263340 mail
Comunidelmiranese@gmail.com ,
mdallef@tin.it ,
ilforteasd@libero.it

Lascia un commento

chi ruba è un ladro e gli incompetenti a casa