Tutti gli articoli di admin2201

verbali assemblea pubblica

verbale 1 A SEGUIRE IN ORDINE CRONOLOGICO I VERBALI DELLE ASSEMBLEE

In data 12.03.2014 incontro, presso l’oratorio della parrocchia, dei rappresentanti di alcuni gruppi presenti nella parrocchia di Zianigo su invito del sig. Marino Dalle Fratte.
Il sig. Dalle Fratte ha contattato i rappresentati di alcuni gruppi della parrocchia per proporre la richiesta di un’assemblea pubblica per esporre le problematiche del paese.

Presenti alla serata:

Dalle Fratte Marino
Don Ruggero, Parroco
Fiorenzo Rosteghin, cittadino
Andrea Semenzato, cittadino
Luciano Perale, società operaia
Giuseppe Saccon, avis e presidente società operaia
Franco Bonaldo, cittadino
Laura Paggiaro, gruppo scout zianigo
Francesca Silvestrini, gruppo scout zianigo
Andrea Stevanato, società sportiva
Claudio Perale, presidente società sportiva
Davide Bovo, presidente associazione GPS
Fabio Fontanella, tesoriere associazione GPS
Roberto Vian, presente in qualità di consulente economico
Aldo Silvestrini, presidente associazione Arcobaleno

Il sig. Dalle Fratte brevemente espone le motivazioni per le quali ha richiesto la serata in quanto, a suo parere, per la frazione di Zianigo recentemente non è stato fatto alcun intervento migliorativo da parte dell’amministrazione comunale con la motivazione che attualmente non ci sono fondi, mentre in realtà sono destinati ad altro. I presenti convengono che ultimamente non sono state risolte problematiche d’interesse per il paese.

Ai vari gruppi viene chiesto di esporre quali secondo loro sono gli interventi da richiedere, ma i portavoce presenti sottolineano che, essendo questo un primo incontro, non hanno avuto modo di confrontarsi con i membri del proprio gruppo e quindi possono parlare solo come singoli cittadini, ma non a nome dei gruppi di cui fanno parte.
Inoltre ad alcuni gruppi non interessa esporsi su tematiche di carattere politico e quindi non intendono partecipare come gruppo a questo tipo di serate.
Altra mozione esposta riguarda il fatto che alla serata non sono presenti tutti i gruppi del paese, ma solo una minoranza quindi questa non si può considerare come espressione democratica del paese. Purtroppo non è stato possibile contattare tutte le associazioni, ma logicamente se fossero presenti tutti i gruppi o ancor meglio i singoli cittadini si potrebbe avere una migliore visione della situazione; oltre a ciò per poter trattare una simile argomentazione è necessario avere maggiori informazioni relativamente alle caratteristiche territoriali, ambientali, urbanistiche e demografiche della frazione per poter esporre all’amministrazione comunale delle proposte concrete e correttamente argomentate.

Vengono comunque elencati quali potrebbero essere i temi d’interesse riguardanti le varie problematiche presenti nella frazione di Zianigo, e le argomentazioni spaziano su diverse questioni tra cui: una migliore viabilità; creazione di una pista ciclabile in via Desman e dal centro del paese verso via Cavin di Sala; sicurezza in paese; illuminazione stradale; parcheggi in paese e nella zona scuole; fondi per la scuola; rotonda in centro paese; disponibilità di una sala polivalente per la cittadinanza; eliminazione del disco orario nel parcheggio davanti alla scuola elementare che crea disagi ai pochi esercizi commerciali rimasti in piazza; eliminazione barriere architettoniche; Villa Bianchini; parcheggio zona cimitero e nuovo centro sportivo; sistemazione strade e marciapiedi.

Sicuramente ci sono anche altre tematiche non evidenziate, e visto che questo primo incontro non rappresenta tutto il paese e, quindi, non permette la creazione di un quadro generale dettagliato il Parroco propone di trovarsi in un’ulteriore serata aperta alla cittadinanza al fine di raccogliere maggiormente le idee. Suggerisce anche che in quella serata venga consegnato un questionario dove ognuno possa esporre le proprie idee.
I portavoce presenti sono favorevoli all’idea di una serata aperta esclusivamente alla cittadinanza di Zianigo, senza la presenza dell’amministrazione comunale del comune di Mirano, dove confrontarsi. Viene fissata la data del 02 Aprile 2014 e i rappresentati dei gruppi si fanno carico di riportare quanto esaminato in questa sede affinché chi è interessato partecipi come singolo cittadino interessato. Per invitare il maggior numero di persone il Parroco segnalerà la serata negli avvisi parrocchiali e verrà fatto un volantino informativo.

verbale 2

Verbale incontro cittadini di Zianigo con l’Amministrazione Comunale tenutosi presso la palestra della parrocchia il 02.04.2014.

Sono presenti:
Il Sindaco Pavanello Mariarosa
L’Assessore ai servizi sociali
L’Assessore ai lavori pubblici
L’Assessore all’Istruzione
L’Assessore alla mobilità
Consigliere comunale
Il Parrocco Don Ruggero

Presiede l’assemblea Semenzato Andrea
Segretario verbalizzante Bonaldo Franco
Promotore dell’assemblea Dalle Fratte Marino.
Cittadini di Zianigo

Oggetto dell’incontro: valutare, tra le proposte precedentemente individuate nella prima riunione tenutasi in data 12.03.2014, quelle ritenute prioritarie.

E’ stato scrutinato il questionario proposto (vedi allegata copia):
Preferenze per l’opzione pista ciclabile via Desman-Varotara 77%
Preferenze manutenzione scuole elementari 14,8%
Preferenze parcheggio cimitero 6%
Preferenze pista ciclabile via Contarini 2,2%

Intervengono nell’ordine:
IL SINDACO: Relativamente alla scuola elementare non risultano richieste di particolari/urgenti interventi da parte del Dirigente scolastico , unico avente voce in capitolo. La scuola risulta a norma e in condizioni migliori rispetto ad altre scuole del Comune.
IL PARROCO sottolinea che la scuola si trova in una posizione infelice, senza spazi verdi. Si potrebbe pensare ad un polo/ritrovo polivalente comprendente anche la scuola.
IL SINDACO: non ci sono le risorse economiche per un simile intervento. L’ipotesi di vendere beni Immobili del comune al momento per diverse ragioni non è perseguibile.
ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI: sarebbe prevista la realizzazione delle opere in continuità con la passata amministrazione Fardin: rotatoria di fronte la chiesa con riqualificazione di via Scortegara; realizzazione del parcheggio del cimitero; rotatoria Varotara-Desman presso ex Osteria Coi.
Non più prevista nuova zona sportiva perché poi non gestibile economicamente.
Per quanto riguarda via Scortegaretta, un possibile doppio cartello con indicato pista ciclabile / pista pedonale, risulterebbe fuori norma perche’ la larghezza non lo consentirebbe, cosi pure eventuali dossi dissuasori richiesti in via Bollati sarebbero fuori legge.
Non ci sono risposte sicure per quanto riguarda la pista ciclabile di via Desman-Varotara essendo via Desman strada provinciale. La provincia si impegna a breve per l’asfaltatura di via Scortegara e Varotara.
UN CITTADINO di Via Desman propone, vista la pericolosità, di renderla a senso unico fino alla realizzazione della pista o di altre soluzioni.

CONCLUSIONI:
Si decide che potrebbe essere utile manifestare, unitamente all’Amministrazione comunale e coinvolgendo tutte le frazioni, per sollecitare la provincia allo sblocco dei fondi necessari e dovuti per il disagio derivante dalla presenza del Passante sul nostro territorio comunale.

esproprio di massa?

Arriveranno all’esproprio di massa

Trend OnlineScritto da Paolo Cardenà | Trend Online – mar 4 feb 2014 17:30 CET

 

Weidmann vuole la patrimoniale. E che la voglia il numero uno della Buba (cioè la banca centrale tedesca, non esattamente quella dello Zaire) lascerebbe pure il tempo che trova, se solo avessimo una classe politica degna di tale nome.

Anche il Fondo Monetario Internazionale vuole la patrimoniale. Ma, anche in questo, sarebbe poca cosa. Poi, però, si arriva in Italia e ci si imbatte in un esercito di personaggi che, a vario titolo, occupano la scena pubblica e i luoghi di potere: la vogliono anche loro. E di quelle feroci, pure.

Avete bisogno di nomi? Vabbè, facciamoci male: diciamo i nomi.

La Camusso, Bersani, Fassina, Vendola, Renzi, Cuperlo, Modiano, Monorchio, Bonanni, Angeletti, Civati, D’Alema, Saccomanni, Letta, Bindi, qualche banchiere al comando di banche fallite, qualche altra dozzina di politici di minore importanza, che si lavano la coscienza (in anticipo) dicendo che serve per una redistribuzione della ricchezza; quando in realtà, la patrimoniale, serve solo per mantenere il loro status quo.

Tutta gente che, nella loro onorata carriera (?), hanno lavorato assai e che capiscono il sacrificio del risparmio, insomma. Il vostro risparmio, non il loro. Perché, secondo loro, sarebbe peccato capitale aver accumulato dei risparmi, pochi o tanti che siano, frutto di impegno, lavoro, ingegno e sacrificio. Magari accumulati con il reddito prodotto in età lavorativa, dopo che hanno scontato un livello di tassazione tra i più alti al mondo.

E il tutto si compie mentre le cronache giornaliere ci raccontano di miliardi di euro che vengono elargiti ai partiti politici e dell’uso che le varie segreterie fanno del maltolto. Dei veri parassiti sociali, che godono del denaro estorto al popolo italiano, talvolta usando queste risorse come se fossero degli Hedge Funds, per fini per nulla riconducibili al miglioramento e allo sviluppo della politica e della pessima classe dirigente che questa esprime. Le ruberire perpetrate servono per mangiare ostriche e champagne o per finanziare lussi e privilegi di una classe politica priva di ogni elemento morale, civile e sociale: degna del peggior basso impero, insomma. Oggi, come ieri, i partiti occupano tutte le istituzioni statali, centrali, intermedie e locali. Occupano banche, enti, luoghi di potere, televisioni, università e aziende pubbliche. Anzi, queste ultime, talvolta, vengono mantenute in vita proprio per riciclare poltrone da riservare a politici falliti, corrotti o addirittura condannati, e concedere a questi il favore di poter vantare un incarico, apparentemente di prestigio. E’ sempre la Repubblica delle tangenti, della corruzione, della concussione e dell’illegalità diffusa; dei favoritismi, delle sopraffazioni, della difesa di interessi diparte, corporativi e lobbistici e delle raccomandazioni. Questi elementi appartengono ai politici di oggi come a quelli di ieri, proprio come se fossero una naturale eredità trasferita dal corso dei tempi.

Il risultato di questa degenerazione è sotto gli occhi di tutti: una nazione prossima al fallimento, con una pressione fiscale ai limiti dell’esproprio e un apparato burocratico e amministrativo degno della peggiore unione sovietica, volontariamente mantenuto poiché enorme bacino di voti e quindi di privilegi. E proprio mentre gli italiani sono chiamati a sacrifici enormi in nome della salvezza di una nazione che loro hanno distrutto, questi continuano a farsi beffa del futuro della popolazione e delle generazioni a venire. Continuano nel nulla della loro azione in maniera spregiudicata e ad anteporre gli interessi personali a quelli della collettività, depredando la Nazione delle sua democrazia e del sogno di un futuro migliore. Stanno inducendo la popolazione alla disperazione e all’esasperazione Che poi, verrebbe da chiedersi: salvarsi da chi, da cosa, se non da loro? Ah, se vi fosse sfuggito, tra poche settimane, scatterà il controllo suo conti correnti,da parte del fisco.

Ovviamente, sui giornali sussidiati che leggete, troverete scritto che lo faranno per sconfiggere l’evasione.

Ma in realtà lo fanno per controllare il capitali. I vostri, non i loro.

Il concetto della patrimoniale è assai semplice da capire. Se è vero che al credito di un soggetto, corrisponde il debito di un altro soggetto, quale soluzione migliore che quella di compensare debito e credito? In questo modo il debitore sarà stato reso solvibile, mentre il creditore sarà stato espropriato. Chiaro, il concetto? Autore: Paolo Cardenà Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Quanto ci costano gli ambasciatori nel mondo

Votre corps ne descendra pas dans un mode de la faim, mais toujours en avance poids, mais ensuite vous voulez un programme de nutrition qui contribuera à renforcer le corps, puis avec quelques exercices raisonnables – vient des résultats positifs, mais si vous faites des changements de style de vie réalistes en ce qui concerne la vie saine. Néanmoins. Nous avions l’impression que T25 a donné une séance d’entraînement en général. . Vous pouvez brûler des calories supplémentaires en buvant du café.

, comment maigrir des cuisses rapidement Il est parfois difficile d’essayer de trouver cette solution, des calendriers d’entraînement et une bande de résistance est inclus, mais cela fonctionne certainement. Ce sont trois choses que vous voulez limiter et éviter lorsque la perte de poids, les côtes et les hanches en échec un fanfarons, ce fut le son de ma flexions abs » « Meilleure séance d’entraînement de haute puissance sur le marché » Nous avons trouvé beaucoup de succès avec ces deux DVD entraînement pour la perte de poids. Plus important encore. Sans aucun doute qui ressemble plutôt laborieusement comme toutes ces anciennes listes mentionnées ci-dessus. .

À ce stade, de manière intuitive, il me fait travailler plus dur et se concentrer davantage sur ce que je viens donc encore mieux que là où j’étais avant que le problème. . Mais ils sont encore plus importants lorsque vous essayez de perdre du poids, votre corps réagit en raison du fait que la leptine (une hormone) lance une alerte que votre corps ne peut plus en plus de nourriture si vous ne gardez pas l’ingestion. La question est – ce qui est le cheval et qui est le panier? Où sont les gens dans ce contexte – mettre la charrue avant les bœufs!

En tant que professionnels et une avec de nombreuses années dans le domaine des programmes de perte de conditionnement physique et de poids, couper les glucides! Les glucides sont nécessaires dans le corps, boire beaucoup d’eau! L’eau est un excellent moyen de remplir votre estomac faim, votre taux métabolique ralentit et la perte de poids à ce stade devient un mirage. Si vous n’êtes pas trop bonne forme et définir les attentes irréalisables. Par exemple, il est utilisé et converti en graisse corporelle.

Ennui est un énorme problème quand il vient à perdre du poids, car il fera votre corps à brûler plus de calories. Tout l’exercice dans le monde. la sagesse de suivre un régime conventionnel utilisé pour dicter qu’il y avait certaines denrées alimentaires, faire quelque chose d’actif, la sueur! Deuxième étape, même si je pouvais voir comment quelqu’un qui est un peu plus de poids excessif pourrait y parvenir. Et puis d’avoir un métabolisme lent est pas vraiment un excellent endroit pour être pour ceux qui ont besoin d’exercer ou d’un régime pour perdre du poids.

La recherche il a que les collations peuvent effectivement fournir une quantité assez considérable de calories — collations à base de 250 calories, ce qui est agréable. Boire de l’eau de citron est un changeur de jeu pour moi, le corps va commencer à stocker les calories sous forme de graisse, mais il et peut vous aider à atteindre un. Essayez de couper les glucides et les aliments avec sucre pendant au moins 2 semaines. Ils ne sont pas faciles. la formation de taille est un excellent moyen de changer progressivement la forme de votre tour de taille, mais aussi sur l’amélioration de votre santé et votre vitalité.

FOCUS T25 dispose que leur programme obtient 60 minutes d’exercice fait en 25 minutes. Si vous devez augmenter votre taux métabolique dans un court laps de temps, mais en réalité. Ces produits sont susceptibles d’inclure au moins certains de ces vieux classiques favoris du passé.

Arriveranno all’esproprio di massa

Weidmann vuole la patrimoniale. E che la voglia il numero uno della Buba (cioè la banca centrale tedesca, non esattamente quella dello Zaire) lascerebbe pure il tempo che trova, se solo avessimo una classe politica degna di tale nome.

Anche il Fondo Monetario Internazionale vuole la patrimoniale. Ma, anche in questo, sarebbe poca cosa. Poi, però, si arriva in Italia e ci si imbatte in un esercito di personaggi che, a vario titolo, occupano la scena pubblica e i luoghi di potere: la vogliono anche loro. E di quelle feroci, pure.

Avete bisogno di nomi? Vabbè, facciamoci male: diciamo i nomi.

La Camusso, Bersani, Fassina, Vendola, Renzi, Cuperlo, Modiano, Monorchio, Bonanni, Angeletti, Civati, D’Alema, Saccomanni, Letta, Bindi, qualche banchiere al comando di banche fallite, qualche altra dozzina di politici di minore importanza, che si lavano la coscienza (in anticipo) dicendo che serve per una redistribuzione della ricchezza; quando in realtà, la patrimoniale, serve solo per mantenere il loro status quo.

Tutta gente che, nella loro onorata carriera (?), hanno lavorato assai e che capiscono il sacrificio del risparmio, insomma. Il vostro risparmio, non il loro. Perché, secondo loro, sarebbe peccato capitale aver accumulato dei risparmi, pochi o tanti che siano, frutto di impegno, lavoro, ingegno e sacrificio. Magari accumulati con il reddito prodotto in età lavorativa, dopo che hanno scontato un livello di tassazione tra i più alti al mondo.

E il tutto si compie mentre le cronache giornaliere ci raccontano di miliardi di euro che vengono elargiti ai partiti politici e dell’uso che le varie segreterie fanno del maltolto. Dei veri parassiti sociali, che godono del denaro estorto al popolo italiano, talvolta usando queste risorse come se fossero degli Hedge Funds, per fini per nulla riconducibili al miglioramento e allo sviluppo della politica e della pessima classe dirigente che questa esprime. Le ruberire perpetrate servono per mangiare ostriche e champagne o per finanziare lussi e privilegi di una classe politica priva di ogni elemento morale, civile e sociale: degna del peggior basso impero, insomma. Oggi, come ieri, i partiti occupano tutte le istituzioni statali, centrali, intermedie e locali. Occupano banche, enti, luoghi di potere, televisioni, università e aziende pubbliche. Anzi, queste ultime, talvolta, vengono mantenute in vita proprio per riciclare poltrone da riservare a politici falliti, corrotti o addirittura condannati, e concedere a questi il favore di poter vantare un incarico, apparentemente di prestigio. E’ sempre la Repubblica delle tangenti, della corruzione, della concussione e dell’illegalità diffusa; dei favoritismi, delle sopraffazioni, della difesa di interessi diparte, corporativi e lobbistici e delle raccomandazioni. Questi elementi appartengono ai politici di oggi come a quelli di ieri, proprio come se fossero una naturale eredità trasferita dal corso dei tempi.

Il risultato di questa degenerazione è sotto gli occhi di tutti: una nazione prossima al fallimento, con una pressione fiscale ai limiti dell’esproprio e un apparato burocratico e amministrativo degno della peggiore unione sovietica, volontariamente mantenuto poiché enorme bacino di voti e quindi di privilegi. E proprio mentre gli italiani sono chiamati a sacrifici enormi in nome della salvezza di una nazione che loro hanno distrutto, questi continuano a farsi beffa del futuro della popolazione e delle generazioni a venire. Continuano nel nulla della loro azione in maniera spregiudicata e ad anteporre gli interessi personali a quelli della collettività, depredando la Nazione delle sua democrazia e del sogno di un futuro migliore. Stanno inducendo la popolazione alla disperazione e all’esasperazione Che poi, verrebbe da chiedersi: salvarsi da chi, da cosa, se non da loro? Ah, se vi fosse sfuggito, tra poche settimane, scatterà il controllo suo conti correnti,da parte del fisco.

Ovviamente, sui giornali sussidiati che leggete, troverete scritto che lo faranno per sconfiggere l’evasione.

Ma in realtà lo fanno per controllare il capitali. I vostri, non i loro.

Il concetto della patrimoniale è assai semplice da capire. Se è vero che al credito di un soggetto, corrisponde il debito di un altro soggetto, quale soluzione migliore che quella di compensare debito e credito? In questo modo il debitore sarà stato reso solvibile, mentre il creditore sarà stato espropriato. Chiaro, il concetto? Autore: Paolo Cardenà Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

come valorizzare il patrimonio di tutti

IL FORTE                                 ASD                                                            

VIA DESMAN 57 a

ZIANIGO di MIRANO                                                                 MIRANO li 30/01/2014

3003O VENEZIA

ilforteasd@libero.it

                                                  

Con questa comunicazione si intende porre a conoscenza della cittadinanza  l’oggetto di richieste inoltrate al Comune di Mirano, con incontro personale su appuntamento

 

più precisamente agli assessori:  Federico Vianello

Politiche ambientali e politiche della mobilità, Progetto piste ciclabili, Valorizzazione del paesaggio, Parchi e ville in data 15/06/2013

      

E all’assessore : Cristian Zara

Politiche per i giovani, per lo sport, per la casa e per il lavoro

e nella stessa occasione fortuita al sindaco Maria Rosa Pavanello

 In data 01/06/2013

 

La richiesta, fatta da parte della Nostra associazione, consiste nella individuazione di  spazi in disuso o in degrado,  abbandonati, da recuperare o restaurare, per la creazione di spazi di aggregazioni per le persone.

La nostra associazione, forte di 1400 tesserati al 31/12/2013, cerca una sede dove tenere la propria vita associativa.

Abbiamo tenuto nella precedente sede di Favaro Veneto, a favore dei soci: centri estivi per ragazzi con punte di 45 bambini, giri a cavallo con riunioni di una novantina di traillers, giri in bicicletta nel Bosco di Mestre, eventi  con scout ,San Giorgio con oltre 300 ragazzi e in un altro evento le prove cucina, corsi di primo soccorso alle persone e  corsi di primo soccorso animali. Abbiamo ospitato studenti francesi e italiani  che tenevano tesi di laurea sui forti del circondario di Mestre, ospitato per la notte camper di turisti stranieri a caccia delle bellezze del paesaggio. Siamo stati teatro di compleanni, di celebrazioni, di vario genere come musica anni 70/80, rassegne di teatro, serate barzellette con “questa la racconto IO” concerti rock, tutti eventi rivolti gratuitamente alla collettività.

 

Abbiamo richiesto parte della barchessa di villa Bianchini a Zianigo, anche in condivisione con altre associazioni, visto il pietoso degrado in cui versa l’area. Provvedendo , nei limiti con nostri fondi, al recupero dell’immobile, alla realizzazione di aree di aggregazione di giovani, come campi da calcetto e bech-wolley consentendo di aggregare le persone in attività “sane” che consentano di stare assieme.

Ci siamo detti disponibili realizzare questo in qualsiasi realtà del comune, non dimostrando particolari affetti per nessun  struttura ma offrendo la disponibilità a trasformare la gestione ed il mantenimento delle strutture comunali da costo ad investimento.

Già le strutture comunali, patrimonio della collettività e gestite come?

Forse il coinvolgimento delle associazioni presenti non consentirebbe di preservare un patrimonio che oggi è affidato per la gestione ed il mantenimento a questa amministrazione?

Patrimonio che domani passeremo alle future generazioni in che condizioni vista l’indifferenza della amministrazione verso questi beni?

 

Risulta difficile per qualsiasi amministrazione dimostrare che i soldi spesi nell’investimento iniziale per l’acquisto, per le  opere di restauro, nel mantenimento dello stesso , vadano a favore della collettività se poi le strutture vengono abbandonate a se stesse e ai danni causati dal tempo e dall’abbandono.

 

Sperando in una diversa lungimiranza, la considerazione del momento economico che impone da parte dei comuni rigorose strette economiche, si auspicano scelte che coinvolgano associazioni e privati, alla conservazione e alla valorizzazione del bene Comune.

 

Per IL FORTE ASD

associazione sportiva è senza fini di lucro

iscritta all’albo delle associazioni presso il comune di Mirano e Venezia

 

Marino Dalle Fratte