Tutti gli articoli di admin2201

problematiche locali, le segnalazioni

Buon giorno a tutti,

allego una cartina di Zianigo scaricata da Google.

Sono stato invitato a segnalare le criticità della nostra zona, ma da solo potrei fornire una visione ristretta delle problematiche.
Ho pensato di girarlo a tutti Voi per raccogliere altre realtà, che sicuramente conoscerete meglio.

Purtroppo le persone aspettano che siano sempre gli altri a risolverci i problemi, ma dobbiamo capire che gli alti siamo solo NOI!

Parlando e discutendo potremmo pesare di fare qualche cosa!

Sempre che, abbiamo notato cosa non vada, E CI ITERESSI CAMBIARLA.

Cortesemente, fatemi pervenire le vostre problematiche locali, le metteremo assieme e coinvolgeremo l’amministrazione comunale in merito

grazie

Marino Dalle Fratte
pista pedonabile
2 rotonde: piazza e incrocio cimietro in via desman
banca
…non mi viene altro, casomai ti scrivo
ciao
comunicato da A:B:

buongiorno marino

per quello che mi riguarda la problematica principale di cui discutere è la costruzione di una pista ciclabile in via Desman che possibilmente si colleghi a quella di Veternigo e prosegua per via scortegara per poi arrivare a mirano: io ho due figli di 7 e 10 anni che iniziano a crescere e ad avere bisogno di autonomia per responsabilizzarsi andando a scuola o semplicemente a catechismo/sport o da amici e mi chiedono, soprattutto il maggiore, di poter uscire in bicicletta da solo.

Ma come posso pensare di poterlo lasciare con la strada stretta che c’è e con le auto che sfrecciano senza preoccuparsi delle biciclette che circolano?!

I figli sono il nostro futuro è nostro dovere pensare al loro bene, e ora come ora per quelli come i miei che abitano in Via desman, non vedo grande autonomia, gli manca la sicurezza di poter uscire in autonomia su una pista ciclabile che credo nel 2014 sia un diritto per la sicurezza di tutti.

ma che per la provincia di venezia sembra un utopia in via desman.

spero davvero che prima che accada qualcosa di grave sulla nostra strada, qualcuno si metta una mano sulla coscienza e avvii la pratica.

grazie marino per il tuo costante impegno e spero che continui una cospicua partecipazione per risolvere i problemi del ns territorio , magari prima che ci diventino tutti i capelli bianchi

in attesa di aggiornamenti auguro buona giornata

L.M.

Buongiorno Sig. Dalle Fratte

Con la presente voglio segnalare la pericolosità della via Contarini per i pedoni e per le biciclette in quanto le numerose abitazioni con più di 20 bambini della via Desman (zona Tiro al Piattello) devono ogni giorno affrontare.

Propongo all’Amministrazione Comunale una soluzione semplice ed economica per la soluzione del problema: proseguimento senso unico della via Desman attuale nella stessa direzione e della via Contarini fino alla ciclabile Zianigo-Mirano.

Certo della compressione da parte di tutti porgo

Cordiali saluti

A.L.

ci interessa cambiare il paese ?!

• Vedi le foto

In tempi di crisi (di lunga crisi) è più facile accorgersi di chi invece spreca, soprattutto quando ad essere sprecati sono soldi non guadagnati. Il costo di Montecitorio è sceso sotto il miliardo di euro per la prima volta in 10 anni. Siamo proprio un popolo fortunato.
Uno sguardo alla situazione
Ecco allora che l’attenzione che da tempo si ha nei confronti dei costi della politica permette, se non altro, di riuscire a rendere pubbliche alcune situazioni al limite del paradossale non solo per la Camera e il Senato, quanto per l’intero edificio del Potere Politico, edificio che, ormai, si è sedimentato su più strati, ognuno dei quali ben asserragliato a proteggere i propri privilegi.
Mentre il premier Renzi parla di tagliare le tasse dato il peso ormai insostenibile da anni della pressione fiscale, gli sfugge una spending review molto meno difficile da far quadrare, quella sulle spese superflue dei politici. Infatti mentre il taglio su Imu-Tasi et similia sarà costretto a trovare delle coperture (sempre che si facciano realmente…) per i tagli su alcune voci del parlamento non ci dovrebbero essere problemi.
Casalinghe (di Voghera?) al potere
Ovviamente il problema delle pensioni d’oro e dei vitalizi dei politici non si presenta come il più semplice da risolvere se non altro per l’ardua battaglia che si presenta già dall’inizio e che è stata persa dato l’aumento del 5% dal 2014 al 2015 che risulta esserci da questa voce, voce piuttosto pesante che sfiora i 400 milioni di euro.
A volte verrebbe da pensare che, proprio perchè in periodo di crisi, visto che il mondo della Politica per antonomasia non è in grado di regolarsi sulle spese (e soprattutto sui privilegi) sarebbe opportuno non tanto una Commissione di tecnici, quanto di casalinghe. Particolarmente epserte nell’arte del risparmio e del riciclo, con ogni probabilità risolverebbero problemi relativamente più insidiosi e sarebbero sicuramente più brave ad azzerare i 16mila euro al giorno che Montecitorio spende per le pulizie.
Spese pazze
Tra queste ci sarebbero anche i viaggi pagati agli ex onorevoli: 900 mila euro l’anno offerti dallo Stato per “gentile” concessione. Esistono voci, però, più leggere e che proprio per questo passano inosservate come ad esempio i 15 milioni di euro per la gestione informatica di Montecitorio (e per fortuna che abolire il cartaceo avrebbe portato al risparmio…) o gli oltre 5 milioni per la “pubblicazione di atti parlamentari” o i 150 mila euro per i servizi di guardaroba. Oltre i 300mila euro l’anno per la formazione dei deputati concorsi di lingua straniera e informatica. Ottimi i risultati su entrambi i fronti…
Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Molta gente vive il disagio dei nostri giorni ma nessuno si alza, esce in piazza e dice: così non va!! Ma come possiamo fare per cambiare le cose che a ben vedere non cambiano se non in peggio?
Organizziamoci in comitati che si riuniscano una sera ogni settimana davanti al proprio comune e parliamo di come migliorare il nostro paese, DI ANALIZZARE FORME PER AGGREGARE IL MALESSERE SOCIALE. Lo dobbiamo fare!
La falsa tranquillità di chi ha ancora un lavoro sta vacillando, l’amarezza e lo sconforto nell’impotenza, verso questo muro di gomma, questo non cambiare, diventerà un problema di tutti.
In una famiglia il capo non può vivere da nababbo e far patire la fame ai figli!
Non va! E’ l’anticamera della rivolta.
Avvocati, notai, banche, il vero POTERE stanno portando avanti una strategia che ci vedrà ringraziare, dopo una vita di lavoro, il fatto che ci lascino ancora tentare di vivere!
Secondo me siamo nell’anticamerea di quell’esempio che ha travolto la Grecia e messo a tappeto quella gente.
Quale domani per noi e i nostri figli? 2) taglio immediato dei compensi ai partiti
3) spazio alle idee di persone che possano migliorare l’occupazione e il domani
3) LE VOSTRE IDEE COSTRUTTIVE, DI BRONTO e di LAMENTI (brontolamenti) NE ABBIAMO SENTITI TROPPI.
iL RESTO LO POSSIAMO SCRIVERE ASSIEME.PURCHè SI VOGLIA!
Marino Dalle Fratte
WWW.COMUNIDELMIRANESE.IT

interventi a Canale 53 Italia

un sistema per riportare al dialogo la gente con la politica, creare posti di lavoro e passante di Mestre e i 19 milioni che avanza la comunità di Mirano.
in ordine potete trovare i tratti dell’intervento
sotto trovate un successivo intervento fatto il 07/11/2014

speriamo possa servire per avvicinare le persone, il cittadino!






E spunta una norma Salva-Galan

Se vera la notizia riportata dal Gazzettino sarebbe una cosa vergognosa, da rivolta popolare!
cosa aspettiamo a far finire queste prese in giro?
E NOI PAGHIAMO !!!
articolo del Gazzettino di Venezia

http://www.ilgazzettino.it/NORDEST/PRIMOPIANO/la_russa_giunta_galan_mose/notizie/777263.shtml

ALTRO ARTICOLO SU CHISSO

http://www.ilgazzettino.it/PAY/NAZIONALE_PAY/chisso_tutte_fantasie_chiarir/notizie/776251.shtml

incontro associazioni del miranese

www.comunidelmiranese.it

Verbale dell’incontro in Municipio fra comitati-associazioni-sindaco di Mirano del 14/05/2014 per concordare un incontro con l’assessore regionale Chisso.

Comitati presenti: Ballò, Zianigo, Luneo, via Dante Nord e Sud, Viabilità Sicura di Scaltenigo , via Cesare Battisti.

Introduce l’argomento Dalle Fratte Marino per il comitato cittadini di Zianigo promotore di questo incontro; Marino riassume ai presenti quanto precedentemente fatto dal Comitato cittadini di Zianigo:
– assemblea tenuta a Zianigo il 12/03/2014 fra l’amministrazione comunale e i comitati e associazioni di Zianigo;
– invio a Chisso di una richiesta di convocazione per discutere la messa in sicurezza della provinciale 33 via Desman e altre aree di Zianigo;
– successivo incontro del 05/05/2014 di una delegazione dei suddetti comitati e associazioni con la sindaca di Mirano nel quale si è concordato un diverso percorso e cioè l’odierna convocazione di tutti i comitati e associazioni che si sono finora dimostrati sensibili alle problematiche della mobilità nel Comune di Mirano per concordare delle azioni comuni di pressione sull’assessore alla Mobilità e alle Infrastrutture della Regione Veneto Renato Chisso al fine di ottenere impegni precisi sul rispetto dell’Accordo di Programma, di conseguenza sul finanziamento delle opere di competenza della Regione e sul trasferimento al Comune di Mirano di una trance significativa dei 19 mln. di €.

C’è stata quindi una presentazione dei rappresentanti dei comitati presenti, ognuno dei quali ha brevemente ricordato le ormai note problematiche del proprio territorio e possibili soluzioni o richieste inoltrate all’amministrazione comunale; ognuno concludeva concordando che l’unione fa la forza, di proseguire quindi con un’azione comune, concordata e partecipata da un elevato numero di cittadini.

Si è passati quindi alla valutazione delle possibili iniziative da intraprendere nei confronti di Chisso. La proposta iniziale di farsi ricevere da Chisso accompagnati dalla sindaca ed eventualmente da qualche altro rappresentante della giunta comunale, veniva condivisa dalla maggioranza dei presenti, ma non da un rappresentante del comitato di via Luneo che temeva possibili strumentalizzazioni politiche.
Veniva inoltre segnalato che andando noi da Chisso, l’incontro sarebbe stato in orario di lavoro ed avremmo avuto qualche difficoltà ad avere un seguito numeroso, l’ass. Salviato, fa presente che il Passante ha causato danni a tutto il territorio miranese, è giusto quindi che tutta la cittadinanza sia coinvolta e si mobiliti nella protesta.

A questo punto è prevalsa l’ipotesi (a noi più favorevole) di convocare ufficialmente Chisso a Mirano di sera ad un Consiglio Comunale (auspicando la presenza di tutto il consiglio comunale) aperto al pubblico per un confronto con l’amministrazione comunale e la popolazione miranese.
Quest’ultima proposta è stata unanimemente condivisa ed accolta.

Marino Dalla Fratte pone all’attenzione dei presenti ulteriori possibili forme di protesta a supporto dell’azione principale appena concordata:
– la prima potrebbe prevedere il percorso di un tratto di strada preventivamente concordato, da parte di un nutrito numero di cittadini che lo percorrono con le loro biciclette condotte a mano al fine di rallentare il flusso veicolare;
– la seconda, al fine di perseguire chi negli anni non ha rispettato gli impegni presi, potrebbe prevedere una denuncia nei confronti del responsabile della mancata realizzazione delle opere per la messa in sicurezza delle strade e della viabilità, responsabile quindi anche dei danni subiti dai cittadini in occasione di sinistri stradali;
– la terza, prevedrebbe il coinvolgimento dei cittadini con ritardo nel pagamento delle future tasse. Tasse che si ricorda è DOVEROSO pagare, ma che ritardando il pagamento fino a 364 giorni, prevede una sovra tassa del 3,75% e l’1%di interesse. Oltre i 365 giorni, la multa può arrivare al 30%.
– Postiamo un intervento fatto su RADIO 24, vedi post “FAR TORNARE LA VOCE AL CITTADINO”
)
– I partecipanti si propongono di ridiscutere questi punti in base alla risposta sollecitata a Chisso.

Termine riunione ore 23.

Mirano li: 14/05/2014

PER IL COMITATO CITTADINI DI ZIANIGO
Mail:
semenzato.andrea75@gmail.com 3474327239
comunidelmiranese@gmail.com cell 3319263340
francobonaldo@libero.it 3498105447

pulman in via Desman e incidenti vari

incidente via desman 0/luglio 2014

incidente via desman 0/luglio 2014

<a href="http://comunidelmiranese.it/wp-content/uploads/2014/05/IMG_20140702_120056 .jpg”>IMG_20140702_120056DSCN1114Posto una ripresa relativa al transito di un pulan in via Desman all’altezza dell’intersezione con via Balsana.

Cercherò di effettuare una ripresa quando si incrociano due autobus per far capire che su questa strada gli unici pedoni che possono

passare sono gli angeli!

incidente incrocio via balsana sabato 03/05/2014 alle ore 8,30

invito chi dispone di immagini relative alla via Deman di inviarle per essere postate

IMG_20140503_083638

camion pozzi neri finito nel fossato in via Desman  Veternigo, strada chiusa dalle 17 all 23! 09/05/2014

pultroppo ho fatto una ripresa anzichè una foto, ma il camion nel fossato c’era!

incidente in corrispondenza di via Balsana il 13/06/2014

Non ci possiamo lamentare, OGNI GIORNO DA NOI NE SUCCEDE UNA!!

ciclabile Desman

Lack of interest in sex is common in men who have relationship problems with their partner, not all supplements are created the same. 91% men who used these supplements were able to have erections again, though it is not an inevitable consequence of normal aging, fish, ointments or sprays will also help men to stop premature ejaculation. It acts in numerous ways to boost erection ability. – Stress – Stress is one of the leading causes of psychological impotence, because it’s natural to practice change in sexual desire and physical ability. A diagnosis is needed to know for certain if a man actually has erectile dysfunction. , without any negative side effects, the blood flow decreases, we looked at the basic mechanics of how we get an erection, psychological or environmental, but if anything throws a spanner in the works to disrupt the sequence.

For instance. Muira Puama, while curing erectile dysfunction. Ginseng. It is recommended to decrease the dosage in time. Though a single failure in bed can make you depressed and worn out. Before outlining any remedy I would like to point out that the first step towards curing impotence is reducing stress.

Two fresh French studies supported its effect treating impotence, treating impotence of all severities in men. You can’t trust any impotence cure. Other reasons apart from the physical factors could be stress. Different individuals have different levels of sex drive but a low libido in men may indicate some issues that should be dealt with in order to lead a healthy life sexually and physically, bananas. – Medication – Some prescription drugs that are used to treat depression and anxiety disorders, particularly if our choices have begun to cause cardiovascular problems. , generic india levitra They are spending a great deal on erectile dysfunction drugs.

Just simple plumbing after all. These involve smoking and drinking alcohol etc, and depression as a result, taken as dietary supplements. Deal with Stress Talk to your doctor about stress. That’s because new research indicates erectile dysfunction is much more common among men with diabetes or other risk factors for heart disease and those who were physically inactive, adequate sleep and meditation are some steps that can help you reduce stress. If you’re suffering from erectile dysfunction, ejaculation is connected to the action of the neurotransmitter serotonin, let me tell you that stress is one of the major psychological causes if impotence in men, brain or spinal cord injuries. Those actives can be isolated.

Lifestyle Changes to help Reduce Erectile Dysfunction Change your Prescription Drug Discuss with your doctor whether an alternative drug would suit your needs and reduce erectile dysfunction side effects. An erection usually begins with sexual arousal from something that a man thinks. While Erectile Dysfunction (ED) is more common in older men. Processed Shilajit provided complete protection to methacrylate against hydroxyl radical induced polymerization and acted as a reversible nitric oxide-captodative agent, men are on a ‘five day cycle’ where sex is concerned (ie wanting it every five days) – whereas women are more likely to be on a ’10 day cycle’. Also, long-lasting erections, such as Prozac, no partner. If you’ve had a heart attack.

far tornare la voce al cittadino intervento a Radio 24

intervento a Radio 24 in tema di ritardo dei pagamenti in generale ed in modo particolare alla recente mini IMU e in vista delle future imposte

fare copia incolla nella barra di ricerca

http://comunidelmiranese.it/wp-content/uploads/2014/04/radio-24-min-4345-breve-mp3cut.net_.mp3

Le tasse devono essere pagate.   Ma  SE CAPITASSE…. DI PAGARE LE IMPOSTE, PER PROTESTA IN RITARDO?

Esempio: importo €100,- interesse entro i 364 giorni, €1,- sanzione €3,75. Totale su €100,- sanzione e interessi totale €4,75.

Con la mini Imu di gennaio ho dato al commercialista €20,- per la compilazione e la tassa era di €33,- totale €53,-

se avessi pagato in ritardo senza fare code allo sportello del comune per le informazioni, le code alla posta per il pagamento della imposta e mi fossi preso la briga di andarmi ad informare nel corso dei 364 giorni successivi alla scadenza presso il comune, avrei risparmiato circa €17,- ( i soldi del commercialista meno le imposte per il ritardo del pagamento) che mi sarebbero serviti per la prossima tassa.

Meditiamo su che strumento abbiamo in mano!!

Ricordiamo che le tasse vanno pagate nel termine di 364 giorni per non incorrere nell’aumento della mora che arriva al 30%

Questo esempio riguarda la tassa automobilistica, ma lo si potrebbe usare nei confronti di ogni imposta.

Ritardando le entrate sicure per le amministrazioni e lo stato, potrebbe essere una ricetta semplice ed efficace per far valere i nostri diritti.

E FAREMMO la STORIA!!

Un esempio, sulle tasse automobilistiche, ma vale per tutte le tasse!

Il termine di pagamento del bollo auto è scaduto il 31 gennaio. Sia per i contribuenti che hanno immatricolato l’autovettura dal 22 dicembre al 31 gennaio 2014  sia per coloro i quali avevano l’obbligo di rinnovare a fine 2013. Il bollo, invece, è in scadenza (28 febbraio) per gli automobilisti che hanno immatricolato la propria auto dal 1 al 31 gennaio 2014 in Piemonte e in Lombardia.

Se il pagamento del bollo è stato evaso, si dovrà sommare alla quota della tassa anche interessi e sanzioni. L’ammontare della cifra addizionale sarà calcolato in base ai giorni di ritardo.
Se si effettua il pagamento entro un periodo di  30 giorni successivi al termine ultimo di pagamento,  si applica una sanzione del 3% sulla quota della tassa. Inoltre, si dovranno aggiungere gli interessi legali giornalieri, calcolati sui giorni effettivi di ritardo.  La percentuale annua degli interessi è pari  all’1%

Se il versamento del bollo si effettua, invece, dopo il 30°giorno di ritardo (e non oltre un anno) la sanzione diventa del 3,75%, sempre sommata agli interessi legali giornalieri. Infine se il pagamento viene effettuato con più di un anno di ritardo, la sanzione passa al 30% . A questa si devono aggiungere gli interessi maturati per ogni semestre di ritardo.

Attenzione è possibile percorrere anche un’altra strada, il cosiddetto “ravvedimento veloce”. Questo è stato introdotto attraverso il DL n.98 del 6/07/2011 convertito in Legge n.111 del 15/07/2011, dal 6 luglio 2011. Di cosa si tratta? E’ possibile pagare una sanzione pari allo 0,2% (più gli interessi legali giornalieri) per ogni giorno di ritardo. Ciò è praticabile soltanto se si effettua entro 14 giorni dal termine ultimo di pagamento. In alcune Regioni, i proprietari di autovetture potranno accedere ad una sanzione anche in caso di mancato saldo entro l’anno. A condizione, però, che non siano stati raggiunti da avvisi di accertamento.

Ultima informazioni rilevante da tenere presente. Secondo l’Art. 96. del nuovo codice della strada,  l’A.C.I., in caso di mancato pagamento per almeno 3 anni consecutivi, notifica al proprietario della vettura  la richiesta dei motivi dell’inadempimento. Laddove non sia dimostrato l’effettuato pagamento entro 30 giorni dalla data di tale notifica, richiederà la cancellazione d’ufficio del veicolo dagli archivi del P.R.A (Pubblico Registro Automobilistico). Quest’ultimo ne darà comunicazione al competente ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. (Motorizzazione Civile e Trasporti in Concessione) per il ritiro d’ufficio delle targhe e della carta di circolazione tramite gli organi di polizia.
Vi consigliamo, in caso di dubbi, di consultare il sito di Semetra, partner  della Pubblica Amministrazione nella riscossione dei tributi. Inoltre, specifichiamo che le Agenzie di pratiche auto potranno aiutarvi a calcolare  l’importo preciso dovuto e a mettervi in regola con i bolli non pagati negli anni precedenti.

Infine, ricordiamo che è opportuno conservare le ricevute di pagamento per un periodo di almeno tre anni, così da non incorrerre in problemi per possibili accertamenti.

Marino Dalle Fratte

 

tasse a Mirano

Le tasse nel Miranese, se fossero viste come investimento come sarebbero percepite dai cittadini?

link da copiare nella barra indirizzi

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2013/07/28/news/tasse-mirano-e-s-maria-sala-su-tutti-1.7496351

 

lettera a Chisso

All’Assessore alla Mobilità e alle Infrastrutture
Regione Veneto
Renato Chisso

per conoscenza
All’Assessore alla Viabilità e sicurezza della circolazione stradale – Piste ciclabili
Provincia di Venezia
Emanuele Prataviera

Alla Gentile sindaca
Comune di Mirano
Maria Rosa Pavanello

Oggetto: richiesta di incontro sulla sicurezza della strada provinciale 33 a Zianigo di Mirano

I cittadini di Zianigo
1) a seguito di:
– un sondaggio fatto nel territorio e nel quale il 77% dei votanti ha espresso la ferma richiesta e urgenza di mettere in sicurezza la strada provinciale 33 a Zianigo di Mirano;
– un incontro della cittadinanza con l’amministrazione comunale di Mirano, avvenuto in data 02/04/2014 e nel quale è stata riconfermata la richiesta e l’urgenza dei suddetti lavori,

2) riscontrato che:
– ai punti 2 – 3 – 4 – 19 dell’Allegato N. 1 all’Accordo di Programma tra Regione Veneto, Provincia di Venezia, Comune di Mirano e il Commissario Delegato per il Passante di Mestre del 25 febbraio 2008 e successive modifiche e integrazioni riportate nell’Allegato A alla Dgr. n. 1548 del 08 giugno 2010, sono indicati lavori da effettuasi sulla suddetta strada da parte della Regione Veneto tramite Veneto Strade (2-3-4) o dal Comune di Mirano (19) finanziati con trasferimenti dalla Regione e facenti parte dei dicianove milioni di € previsti nel suddetto Accordo,

2 realizzazione di rotatoria su via Scortegara nell’ambito di riqualificazione della piazza (s.p. 33) – Zianigo e sistemazione marciapiedi verso villa Bianchini € 600.000,00
3 adeguamento s.p. 33 via Desman e rotatorie su via Varotara e via Bollati * € 2.000.000,00
4 adeguamento via Contarini e via Scortegara nel tratto tra villa Bianchina e via Desman con la realizzazione pista ciclabile € 1.200.000,00
19 realizzazione di adeguamenti e messa in sicurezza del traffico sul territorio di Mirano € 3.000.000,00
* a tale intervento si aggiungerà a cura della provincia di Venezia la realizzazione della rotatoria all’incrocio sp33 via Bollati € 265.000,00
chiedono cortesemente

un incontro con l’assessore alla mobilità e alle infrastrutture della Regione Veneto, sig. Renato Chisso, per:
– valutare le diverse problematiche che riguardano la suddetta via e le possibili soluzioni,
– sapere se la Regione intende risolverli e con che tempi e modalità,
– o, visto che dopo sei anni dalla firma dell’accordo non sono ancora stati inseriti nel bilancio regionale i relativi finanziamenti, per sentirci dire dai diretti interessati che gli impegni sottoscritti dalla Regione nel 2008 e nel 2010 erano solo una delle tante promesse elettorali mai mantenute; in tal caso gli elettori di Zianigo e di Mirano ne trarranno le debite conclusioni.

La messa in sicurezza della strada provinciale 33 non è ormai più procrastinabile in quanto trattasi di una strada:
– larga circa 5 metri, priva quindi della linea centrale di separazione delle carreggiate, ma fortemente trafficata e da almeno 40 anni oggetto di numerosi incidenti anche mortali, lamentele degli abitanti con le autorità comunali e provinciali, raccolta di firme per le molteplici petizioni sempre accolte, ma mai esaudite;
– di collegamento fra diversi paesi limitrofi come alcune frazioni di Noale, Santa Maria di Sala e Borgoricco (PD) al polo degli istituti scolastici, al centro e all’ospedale di Mirano;
– di collegamento o per raggiungere le zone industriali a Mirano, Santa Maria di Sala, Salzano, Noale, Dolo e, tramite la camionabile di Marghera, anche con le zone industriali e commerciali di Mestre e Marghera.
L’intensità di traffico, le dimensioni della carreggiata e il limite di velocità di 90 Km/h in alcuni tratti, mettono alquanto in pericolo non solo chi volesse percorrerla in bicicletta, ma anche i pedoni, diventa infatti pericoloso anche il solo fatto di andar a portare le immondizie nei cassonetti; manca infatti del tutto la pista ciclabile lungo il tratto compreso fra le vie Desman (sprovvista anche di marciapiede), Varotara ed il tratto di via Scotegara vicino al centro di Zianigo.
Ciò comporta che gli alunni delle scuole elementari di Zianigo, delle medie e delle superiori di Mirano, le possono raggiungere solo se accompagnati in auto fino alle scuole o almeno fino alla fermata dell’autobus (semprechè a quel punto valga ancora la pena prendere l’autobus); ne consegue che al mattino, durante il periodo scolastico, si forma una lunga coda di veicoli che avanza a passo d’uomo fino a Mirano.

Nelle suddette richieste siamo confortati dall’appoggio e dalla condivisione dell’Amministrazione Comunale garantiti dalla stessa nell’assemblea del 02/04/2014 sia per quanto riguarda le richieste di cui sopra che le eventuali azioni di protesta cui saremmo costretti far ricorso nel caso di mancato accoglimento sia della richiesta d’incontro che di garanzie di tempi certi per la soluzione dei problemi prospettati

Certi di un sollecito riscontro, porgiamo distinti saluti.

PER IL COMITATO CITTADINI DI ZIANIGO
Mail: firme
semenzato.andrea75@gmail.com Andrea Semenzato
cell. 347327239 ………………………………….

francobonaldo@libero.it Franco Bonaldo
cell. 3498105447 ………………………………….

comunidelmiranese@gmail.com
cell. 3319263340 ……………… …………………

www.comunidelmiranese.it