ciclabile Desman

DSCN1110

STRADA PROVINCIALE 33 – VIA DESMAN
IDV S.M.S / 1 maggio 2014

InFiIl 12 marzo scrivevo all’Assessore provinciale Giacomo Grandolfo in qualità di semplice cittadino per chiedere più sicurezza per la strada SP 33 via Desman. Ecco la mail spedita: “Egregio Assessore, la strada in questione nel tratto di gestione della provincia di Venezia e in particolare tra Veternigo di Santa Maria di Sala e Zianigo di Mirano, strada ormai molto frequentata, è sprovvista della segnalazione verticale dei limiti di velocità . Oltretutto in detto tratto c’è il cartello di “fine territorio comunale di Santa Maria di Sala” ed “inizio territorio comunale di Mirano” a pochi metri una dall’altro, quindi secondo il Codice della strada dovrebbe esserci il limite di 50km/h in tutto il tratto in questione. Anche se così non fosse, mancando qualsiasi indicazione, c’è la più totale ibertà da parte di chi vi transita di correre come vuole! Dato che , tra l’altro, non si sa che fine farà la Provincia di Venezia, faccia un regalo agli abitanti di questi luoghi e faccia installare queste segnalazioni: la bella stagione ormai è alle porte e molti sono i ciclisti ed i ragazzi che la usano per andare a scuola. Distinti Saluti, Vivian Luca di Veternigo di Santa Maria di Sala.” Devo dire che ho scritto molte mail e fax anche ad altri Assessori provinciali, al precedente Assessore Emanuele Prataviera (Lega Nord) e Paolo Gatto (Margherita) ricevendo una mancata promessa dal primo e nemmeno una risposta dal secondo. Il 13 marzo mi arriva risposta: “anche se non sono l’assessore alla Viabilità , mi faccio senz’altro carico di far inserire la sua richiesta/segnalazione tra le priorità. Il che vuol dire che mi impegno a fare in modo che sia inserita fra le opere finanziate da realizzare entro l ‘anno. Se riesco entro l’estate. Un cordiale saluto.” Non mi sembra vero, una risposta e in così breve tempo. Grazie mille! Poi il tempo passa e altri problemi fanno dimenticare, ma ieri 30 aprile riecco l’Assessore che mi invia ciò che mi aveva promesso: “Egregio Assessore, spiacente per la non tempestività, sebbene l’email era stata da me predisposta subito dopo l’inoltro dell’allegata comunicazione al Comune di Mirano del 18.03.2014, di seguito le riporto le valutazioni svolte con riferimento alla segnalazione del sig. Luca Vivian: nel progetto definitivo “Manutenzione delle pavimentazioni stradali Area Sud II Lotto – 2^ zona stradale “Brenta-Sile””, sono previsti interventi di fresatura e bitumatura di alcuni tratti della S.P. n. 33, ed in particolare il centro abitato di Veternigo nel Comune di Santa Maria di Sala e di Zianigo nel Comune di Mirano. Relativamente alla segnaletica verticale, si evidenzia che non risultano segnalati, attraverso la segnaletica verticale prevista i centri abitati indicati nella documentazione relativa alla delimitazione dei centri abitati del Comune di Mirano. Lungo la S.P. n. 33, in Comune di Mirano, adiacente al confine comunale è infatti indicato il centro abitato di Veternigo, e in direzione est i centri abitati di Fontana e Zianigo. Si allegano le scansioni delle tavole relative alle rispettive delibere comunali di delimitazione dei centri abitati, cui è seguita la comunicazione al Comune di Mirano dell’anomalia rilevata; ai sensi del vigente Regolamento di esecuzione del codice della strada, la segnaletica verticale di centro abitato sotto intende automaticamente il limite di velocità di 50 km/h (art. 131), quindi non si deve installare la segnaletica del limite di velocità nei centri abitati. Fuori dai centri abitati se non indicato, il limite di velocità nelle strada extraurbane secondarie ed extraurbane locali è di 90 km/h (art. 142 CDS). Disponibile per ogni ulteriore chiarimento, unitamente Le porgo cordiali saluti. Ing. Grosso Alessandra” Bene, ora aspettiamo che anche il comune di Mirano faccia la sua parte! Ben inteso che questo è solo un inizio di messa in sicurezza!!!
Zianigo di Mirano 14/11/2014
All’Assessore alla Mobilità e alle Infrastrutture
Regione Veneto
ZAIA LUCA

per conoscenza
All’Assessore alla Viabilità e sicurezza della circolazione stradale – Piste ciclabili
Provincia di Venezia
ZACCARIOTTO FRANCESCA

Alla Gentile sindaca
Comune di Mirano
Maria Rosa Pavanello

Al sindaco
Comune di Santa Maria di Sala
Nicola Fragomeni

Oggetto: MANIFESTAZIONE POPOLARE per sollecitare la messa in sicurezza della strada provinciale 33 a Zianigo di Mirano / Santa Maria di Sala /Borgoricco con inizio dal 17/11/2012 dalle ore 7,00 alle ore 17 di tutti i giorni.

I cittadini di Zianigo, Veternigo e Sant’Angelo di Santa Maria Di Sala

1) a seguito di:
– un sondaggio fatto nel territorio e nel quale il 77% dei votanti ha espresso la ferma richiesta e urgenza di mettere in sicurezza la strada provinciale 33;
– un incontro della cittadinanza con l’amministrazione comunale di Mirano, avvenuto in data 02/04/2014 e nel quale è stata riconfermata la richiesta e l’urgenza dei suddetti lavori,
CHIEDONO

La messa in sicurezza della strada provinciale 33 non è ormai più procrastinabile in quanto trattasi di una strada:
– larga circa 5 metri, priva quindi della linea centrale di separazione delle carreggiate, ma fortemente trafficata e da almeno 40 anni oggetto di numerosi incidenti anche mortali, lamentele degli abitanti con le autorità comunali e provinciali, raccolta di firme per le molteplici petizioni sempre accolte, ma mai esaudite;


– di collegamento fra diversi paesi limitrofi come alcune frazioni di Noale, Santa Maria di Sala e Borgoricco (PD) al polo degli istituti scolastici, al centro e all’ospedale di Mirano;
– di collegamento o per raggiungere le zone industriali a Mirano, Santa Maria di Sala, Salzano, Noale, Dolo e, tramite la camionabile di Marghera, anche con le zone industriali e commerciali di Mestre e Marghera.
L’intensità di traffico, le dimensioni della carreggiata e il limite di velocità di 90 Km/h in alcuni tratti, mettono alquanto in pericolo non solo chi volesse percorrerla in bicicletta, ma anche i pedoni, diventa infatti pericoloso anche il solo fatto di andar a portare le immondizie nei cassonetti; manca infatti del tutto la pista ciclabile lungo il tratto in via Desman (sprovvista anche di marciapiede), Varotara ed il tratto di via Scotegara vicino al centro di Zianigo.
Ciò comporta che gli alunni delle scuole elementari di Zianigo, delle medie e delle superiori di Mirano e Santa Maria di Sala, le possono raggiungere solo se accompagnati in auto fino alle scuole o almeno fino alla fermata dell’autobus (semprechè a quel punto valga ancora la pena prendere l’autobus); ne consegue che al mattino, durante il periodo scolastico, si forma una lunga coda di veicoli che avanza a passo d’uomo fino a Mirano.

Nelle suddette richieste siamo confortati dall’appoggio e dalla condivisione dell’Amministrazione Comunale di Mirano, garantiti dalla stessa nell’assemblea del 02/04/2014 per quanto riguarda le richieste di cui sopra riguardo le azioni di protesta cui siamo costretti far ricorso sia della richiesta d’incontro. Chiediamo garanzie di tempi certi per la soluzione dei problemi prospettati

Certi di un sollecito riscontro, porgiamo distinti saluti.

PER IL COMITATO via DESMAN
Mail:
Dalle Fratte Marino firme
comunidelmiranese@gmail.com
www.comunidelmiranese.it
cell. 3319263340 Marino Dalle Fratte

link di aproffondimento

Cosa Facciamo

http://www.opzionezero.org/2013/10/11/nuova-venezia-mirano-passante-pronti-a-bloccare-il-casello/

 

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2007/10/15/S-9671%20%20%20%20/s5;jsessionid=R3iELta-mgz08Zn4IbyZ+Q__.ntc-as3-guri2b

<a href="http://blog.libero.it/graticolato/commenti viagra schnell kaufen.php?msgid=8448675&id=252355″>http://blog.libero.it/graticolato/commenti.php?msgid=8448675&id=252355

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2013/10/11/news/tra-i-progetti-che-saltano-rotatorie-e-piste-ciclabili-1.7909327

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2012/10/25/news/via-desman-chiede-la-ciclabile-1.5925400

Distinti saluti a tutti

far tornare la voce al cittadino intervento a Radio 24

intervento a Radio 24 in tema di ritardo dei pagamenti in generale ed in modo particolare alla recente mini IMU e in vista delle future imposte

fare copia incolla nella barra di ricerca

http://comunidelmiranese.it/wp-content/uploads/2014/04/radio-24-min-4345-breve-mp3cut.net_.mp3

Le tasse devono essere pagate.   Ma  SE CAPITASSE…. DI PAGARE LE IMPOSTE, PER PROTESTA IN RITARDO?

Esempio: importo €100,- interesse entro i 364 giorni, €1,- sanzione €3,75. Totale su €100,- sanzione e interessi totale €4,75.

Con la mini Imu di gennaio ho dato al commercialista €20,- per la compilazione e la tassa era di €33,- totale €53,-

se avessi pagato in ritardo senza fare code allo sportello del comune per le informazioni, le code alla posta per il pagamento della imposta e mi fossi preso la briga di andarmi ad informare nel corso dei 364 giorni successivi alla scadenza presso il comune, avrei risparmiato circa €17,- ( i soldi del commercialista meno le imposte per il ritardo del pagamento) che mi sarebbero serviti per la prossima tassa.

Meditiamo su che strumento abbiamo in mano!!

Ricordiamo che le tasse vanno pagate nel termine di 364 giorni per non incorrere nell’aumento della mora che arriva al 30%

Questo esempio riguarda la tassa automobilistica, ma lo si potrebbe usare nei confronti di ogni imposta.

Ritardando le entrate sicure per le amministrazioni e lo stato, potrebbe essere una ricetta semplice ed efficace per far valere i nostri diritti.

E FAREMMO la STORIA!!

Un esempio, sulle tasse automobilistiche, ma vale per tutte le tasse!

Il termine di pagamento del bollo auto è scaduto il 31 gennaio. Sia per i contribuenti che hanno immatricolato l’autovettura dal 22 dicembre al 31 gennaio 2014  sia per coloro i quali avevano l’obbligo di rinnovare a fine 2013. Il bollo, invece, è in scadenza (28 febbraio) per gli automobilisti che hanno immatricolato la propria auto dal 1 al 31 gennaio 2014 in Piemonte e in Lombardia.

Se il pagamento del bollo è stato evaso, si dovrà sommare alla quota della tassa anche interessi e sanzioni. L’ammontare della cifra addizionale sarà calcolato in base ai giorni di ritardo.
Se si effettua il pagamento entro un periodo di  30 giorni successivi al termine ultimo di pagamento,  si applica una sanzione del 3% sulla quota della tassa. Inoltre, si dovranno aggiungere gli interessi legali giornalieri, calcolati sui giorni effettivi di ritardo.  La percentuale annua degli interessi è pari  all’1%

Se il versamento del bollo si effettua, invece, dopo il 30°giorno di ritardo (e non oltre un anno) la sanzione diventa del 3,75%, sempre sommata agli interessi legali giornalieri. Infine se il pagamento viene effettuato con più di un anno di ritardo, la sanzione passa al 30% . A questa si devono aggiungere gli interessi maturati per ogni semestre di ritardo.

Attenzione è possibile percorrere anche un’altra strada, il cosiddetto “ravvedimento veloce”. Questo è stato introdotto attraverso il DL n.98 del 6/07/2011 convertito in Legge n.111 del 15/07/2011, dal 6 luglio 2011. Di cosa si tratta? E’ possibile pagare una sanzione pari allo 0,2% (più gli interessi legali giornalieri) per ogni giorno di ritardo. Ciò è praticabile soltanto se si effettua entro 14 giorni dal termine ultimo di pagamento. In alcune Regioni, i proprietari di autovetture potranno accedere ad una sanzione anche in caso di mancato saldo entro l’anno. A condizione, però, che non siano stati raggiunti da avvisi di accertamento.

Ultima informazioni rilevante da tenere presente. Secondo l’Art. 96. del nuovo codice della strada,  l’A.C.I., in caso di mancato pagamento per almeno 3 anni consecutivi, notifica al proprietario della vettura  la richiesta dei motivi dell’inadempimento. Laddove non sia dimostrato l’effettuato pagamento entro 30 giorni dalla data di tale notifica, richiederà la cancellazione d’ufficio del veicolo dagli archivi del P.R.A (Pubblico Registro Automobilistico). Quest’ultimo ne darà comunicazione al competente ufficio della Direzione generale della M.C.T.C. (Motorizzazione Civile e Trasporti in Concessione) per il ritiro d’ufficio delle targhe e della carta di circolazione tramite gli organi di polizia.
Vi consigliamo, in caso di dubbi, di consultare il sito di Semetra, partner  della Pubblica Amministrazione nella riscossione dei tributi. Inoltre, specifichiamo che le Agenzie di pratiche auto potranno aiutarvi a calcolare  l’importo preciso dovuto e a mettervi in regola con i bolli non pagati negli anni precedenti.

Infine, ricordiamo che è opportuno conservare le ricevute di pagamento per un periodo di almeno tre anni, così da non incorrerre in problemi per possibili accertamenti.

Marino Dalle Fratte

 

tasse a Mirano

Le tasse nel Miranese, se fossero viste come investimento come sarebbero percepite dai cittadini?

link da copiare nella barra indirizzi

http://nuovavenezia.gelocal.it/cronaca/2013/07/28/news/tasse-mirano-e-s-maria-sala-su-tutti-1.7496351

 

lettera a Chisso

All’Assessore alla Mobilità e alle Infrastrutture
Regione Veneto
Renato Chisso

per conoscenza
All’Assessore alla Viabilità e sicurezza della circolazione stradale – Piste ciclabili
Provincia di Venezia
Emanuele Prataviera

Alla Gentile sindaca
Comune di Mirano
Maria Rosa Pavanello

Oggetto: richiesta di incontro sulla sicurezza della strada provinciale 33 a Zianigo di Mirano

I cittadini di Zianigo
1) a seguito di:
– un sondaggio fatto nel territorio e nel quale il 77% dei votanti ha espresso la ferma richiesta e urgenza di mettere in sicurezza la strada provinciale 33 a Zianigo di Mirano;
– un incontro della cittadinanza con l’amministrazione comunale di Mirano, avvenuto in data 02/04/2014 e nel quale è stata riconfermata la richiesta e l’urgenza dei suddetti lavori,

2) riscontrato che:
– ai punti 2 – 3 – 4 – 19 dell’Allegato N. 1 all’Accordo di Programma tra Regione Veneto, Provincia di Venezia, Comune di Mirano e il Commissario Delegato per il Passante di Mestre del 25 febbraio 2008 e successive modifiche e integrazioni riportate nell’Allegato A alla Dgr. n. 1548 del 08 giugno 2010, sono indicati lavori da effettuasi sulla suddetta strada da parte della Regione Veneto tramite Veneto Strade (2-3-4) o dal Comune di Mirano (19) finanziati con trasferimenti dalla Regione e facenti parte dei dicianove milioni di € previsti nel suddetto Accordo,

2 realizzazione di rotatoria su via Scortegara nell’ambito di riqualificazione della piazza (s.p. 33) – Zianigo e sistemazione marciapiedi verso villa Bianchini € 600.000,00
3 adeguamento s.p. 33 via Desman e rotatorie su via Varotara e via Bollati * € 2.000.000,00
4 adeguamento via Contarini e via Scortegara nel tratto tra villa Bianchina e via Desman con la realizzazione pista ciclabile € 1.200.000,00
19 realizzazione di adeguamenti e messa in sicurezza del traffico sul territorio di Mirano € 3.000.000,00
* a tale intervento si aggiungerà a cura della provincia di Venezia la realizzazione della rotatoria all’incrocio sp33 via Bollati € 265.000,00
chiedono cortesemente

un incontro con l’assessore alla mobilità e alle infrastrutture della Regione Veneto, sig. Renato Chisso, per:
– valutare le diverse problematiche che riguardano la suddetta via e le possibili soluzioni,
– sapere se la Regione intende risolverli e con che tempi e modalità,
– o, visto che dopo sei anni dalla firma dell’accordo non sono ancora stati inseriti nel bilancio regionale i relativi finanziamenti, per sentirci dire dai diretti interessati che gli impegni sottoscritti dalla Regione nel 2008 e nel 2010 erano solo una delle tante promesse elettorali mai mantenute; in tal caso gli elettori di Zianigo e di Mirano ne trarranno le debite conclusioni.

La messa in sicurezza della strada provinciale 33 non è ormai più procrastinabile in quanto trattasi di una strada:
– larga circa 5 metri, priva quindi della linea centrale di separazione delle carreggiate, ma fortemente trafficata e da almeno 40 anni oggetto di numerosi incidenti anche mortali, lamentele degli abitanti con le autorità comunali e provinciali, raccolta di firme per le molteplici petizioni sempre accolte, ma mai esaudite;
– di collegamento fra diversi paesi limitrofi come alcune frazioni di Noale, Santa Maria di Sala e Borgoricco (PD) al polo degli istituti scolastici, al centro e all’ospedale di Mirano;
– di collegamento o per raggiungere le zone industriali a Mirano, Santa Maria di Sala, Salzano, Noale, Dolo e, tramite la camionabile di Marghera, anche con le zone industriali e commerciali di Mestre e Marghera.
L’intensità di traffico, le dimensioni della carreggiata e il limite di velocità di 90 Km/h in alcuni tratti, mettono alquanto in pericolo non solo chi volesse percorrerla in bicicletta, ma anche i pedoni, diventa infatti pericoloso anche il solo fatto di andar a portare le immondizie nei cassonetti; manca infatti del tutto la pista ciclabile lungo il tratto compreso fra le vie Desman (sprovvista anche di marciapiede), Varotara ed il tratto di via Scotegara vicino al centro di Zianigo.
Ciò comporta che gli alunni delle scuole elementari di Zianigo, delle medie e delle superiori di Mirano, le possono raggiungere solo se accompagnati in auto fino alle scuole o almeno fino alla fermata dell’autobus (semprechè a quel punto valga ancora la pena prendere l’autobus); ne consegue che al mattino, durante il periodo scolastico, si forma una lunga coda di veicoli che avanza a passo d’uomo fino a Mirano.

Nelle suddette richieste siamo confortati dall’appoggio e dalla condivisione dell’Amministrazione Comunale garantiti dalla stessa nell’assemblea del 02/04/2014 sia per quanto riguarda le richieste di cui sopra che le eventuali azioni di protesta cui saremmo costretti far ricorso nel caso di mancato accoglimento sia della richiesta d’incontro che di garanzie di tempi certi per la soluzione dei problemi prospettati

Certi di un sollecito riscontro, porgiamo distinti saluti.

PER IL COMITATO CITTADINI DI ZIANIGO
Mail: firme
semenzato.andrea75@gmail.com Andrea Semenzato
cell. 347327239 ………………………………….

francobonaldo@libero.it Franco Bonaldo
cell. 3498105447 ………………………………….

comunidelmiranese@gmail.com
cell. 3319263340 ……………… …………………

www.comunidelmiranese.it

verbali assemblea pubblica

verbale 1 A SEGUIRE IN ORDINE CRONOLOGICO I VERBALI DELLE ASSEMBLEE

In data 12.03.2014 incontro, presso l’oratorio della parrocchia, dei rappresentanti di alcuni gruppi presenti nella parrocchia di Zianigo su invito del sig. Marino Dalle Fratte.
Il sig. Dalle Fratte ha contattato i rappresentati di alcuni gruppi della parrocchia per proporre la richiesta di un’assemblea pubblica per esporre le problematiche del paese.

Presenti alla serata:

Dalle Fratte Marino
Don Ruggero, Parroco
Fiorenzo Rosteghin, cittadino
Andrea Semenzato, cittadino
Luciano Perale, società operaia
Giuseppe Saccon, avis e presidente società operaia
Franco Bonaldo, cittadino
Laura Paggiaro, gruppo scout zianigo
Francesca Silvestrini, gruppo scout zianigo
Andrea Stevanato, società sportiva
Claudio Perale, presidente società sportiva
Davide Bovo, presidente associazione GPS
Fabio Fontanella, tesoriere associazione GPS
Roberto Vian, presente in qualità di consulente economico
Aldo Silvestrini, presidente associazione Arcobaleno

Il sig. Dalle Fratte brevemente espone le motivazioni per le quali ha richiesto la serata in quanto, a suo parere, per la frazione di Zianigo recentemente non è stato fatto alcun intervento migliorativo da parte dell’amministrazione comunale con la motivazione che attualmente non ci sono fondi, mentre in realtà sono destinati ad altro. I presenti convengono che ultimamente non sono state risolte problematiche d’interesse per il paese.

Ai vari gruppi viene chiesto di esporre quali secondo loro sono gli interventi da richiedere, ma i portavoce presenti sottolineano che, essendo questo un primo incontro, non hanno avuto modo di confrontarsi con i membri del proprio gruppo e quindi possono parlare solo come singoli cittadini, ma non a nome dei gruppi di cui fanno parte.
Inoltre ad alcuni gruppi non interessa esporsi su tematiche di carattere politico e quindi non intendono partecipare come gruppo a questo tipo di serate.
Altra mozione esposta riguarda il fatto che alla serata non sono presenti tutti i gruppi del paese, ma solo una minoranza quindi questa non si può considerare come espressione democratica del paese. Purtroppo non è stato possibile contattare tutte le associazioni, ma logicamente se fossero presenti tutti i gruppi o ancor meglio i singoli cittadini si potrebbe avere una migliore visione della situazione; oltre a ciò per poter trattare una simile argomentazione è necessario avere maggiori informazioni relativamente alle caratteristiche territoriali, ambientali, urbanistiche e demografiche della frazione per poter esporre all’amministrazione comunale delle proposte concrete e correttamente argomentate.

Vengono comunque elencati quali potrebbero essere i temi d’interesse riguardanti le varie problematiche presenti nella frazione di Zianigo, e le argomentazioni spaziano su diverse questioni tra cui: una migliore viabilità; creazione di una pista ciclabile in via Desman e dal centro del paese verso via Cavin di Sala; sicurezza in paese; illuminazione stradale; parcheggi in paese e nella zona scuole; fondi per la scuola; rotonda in centro paese; disponibilità di una sala polivalente per la cittadinanza; eliminazione del disco orario nel parcheggio davanti alla scuola elementare che crea disagi ai pochi esercizi commerciali rimasti in piazza; eliminazione barriere architettoniche; Villa Bianchini; parcheggio zona cimitero e nuovo centro sportivo; sistemazione strade e marciapiedi.

Sicuramente ci sono anche altre tematiche non evidenziate, e visto che questo primo incontro non rappresenta tutto il paese e, quindi, non permette la creazione di un quadro generale dettagliato il Parroco propone di trovarsi in un’ulteriore serata aperta alla cittadinanza al fine di raccogliere maggiormente le idee. Suggerisce anche che in quella serata venga consegnato un questionario dove ognuno possa esporre le proprie idee.
I portavoce presenti sono favorevoli all’idea di una serata aperta esclusivamente alla cittadinanza di Zianigo, senza la presenza dell’amministrazione comunale del comune di Mirano, dove confrontarsi. Viene fissata la data del 02 Aprile 2014 e i rappresentati dei gruppi si fanno carico di riportare quanto esaminato in questa sede affinché chi è interessato partecipi come singolo cittadino interessato. Per invitare il maggior numero di persone il Parroco segnalerà la serata negli avvisi parrocchiali e verrà fatto un volantino informativo.

verbale 2

Verbale incontro cittadini di Zianigo con l’Amministrazione Comunale tenutosi presso la palestra della parrocchia il 02.04.2014.

Sono presenti:
Il Sindaco Pavanello Mariarosa
L’Assessore ai servizi sociali
L’Assessore ai lavori pubblici
L’Assessore all’Istruzione
L’Assessore alla mobilità
Consigliere comunale
Il Parrocco Don Ruggero

Presiede l’assemblea Semenzato Andrea
Segretario verbalizzante Bonaldo Franco
Promotore dell’assemblea Dalle Fratte Marino.
Cittadini di Zianigo

Oggetto dell’incontro: valutare, tra le proposte precedentemente individuate nella prima riunione tenutasi in data 12.03.2014, quelle ritenute prioritarie.

E’ stato scrutinato il questionario proposto (vedi allegata copia):
Preferenze per l’opzione pista ciclabile via Desman-Varotara 77%
Preferenze manutenzione scuole elementari 14,8%
Preferenze parcheggio cimitero 6%
Preferenze pista ciclabile via Contarini 2,2%

Intervengono nell’ordine:
IL SINDACO: Relativamente alla scuola elementare non risultano richieste di particolari/urgenti interventi da parte del Dirigente scolastico , unico avente voce in capitolo. La scuola risulta a norma e in condizioni migliori rispetto ad altre scuole del Comune.
IL PARROCO sottolinea che la scuola si trova in una posizione infelice, senza spazi verdi. Si potrebbe pensare ad un polo/ritrovo polivalente comprendente anche la scuola.
IL SINDACO: non ci sono le risorse economiche per un simile intervento. L’ipotesi di vendere beni Immobili del comune al momento per diverse ragioni non è perseguibile.
ASSESSORE AI LAVORI PUBBLICI: sarebbe prevista la realizzazione delle opere in continuità con la passata amministrazione Fardin: rotatoria di fronte la chiesa con riqualificazione di via Scortegara; realizzazione del parcheggio del cimitero; rotatoria Varotara-Desman presso ex Osteria Coi.
Non più prevista nuova zona sportiva perché poi non gestibile economicamente.
Per quanto riguarda via Scortegaretta, un possibile doppio cartello con indicato pista ciclabile / pista pedonale, risulterebbe fuori norma perche’ la larghezza non lo consentirebbe, cosi pure eventuali dossi dissuasori richiesti in via Bollati sarebbero fuori legge.
Non ci sono risposte sicure per quanto riguarda la pista ciclabile di via Desman-Varotara essendo via Desman strada provinciale. La provincia si impegna a breve per l’asfaltatura di via Scortegara e Varotara.
UN CITTADINO di Via Desman propone, vista la pericolosità, di renderla a senso unico fino alla realizzazione della pista o di altre soluzioni.

CONCLUSIONI:
Si decide che potrebbe essere utile manifestare, unitamente all’Amministrazione comunale e coinvolgendo tutte le frazioni, per sollecitare la provincia allo sblocco dei fondi necessari e dovuti per il disagio derivante dalla presenza del Passante sul nostro territorio comunale.