come valorizzare il patrimonio di tutti

v\:* {behavior:url(#default#VML);}
o\:* {behavior:url(#default#VML);}
w\:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0
false

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

IL FORTE                                 ASD                                                            

VIA DESMAN 57 a

ZIANIGO di MIRANO                                                                 MIRANO li 30/01/2014

3003O VENEZIA

ilforteasd@libero.it

                                                  

Con questa comunicazione si intende porre a conoscenza della cittadinanza  l’oggetto di richieste inoltrate al Comune di Mirano, con incontro personale su appuntamento

 

più precisamente agli assessori:  Federico Vianello

Politiche ambientali e politiche della mobilità, Progetto piste ciclabili, Valorizzazione del paesaggio, Parchi e ville in data 15/06/2013

      

E all’assessore : Cristian Zara

Politiche per i giovani, per lo sport, per la casa e per il lavoro

e nella stessa occasione fortuita al sindaco Maria Rosa Pavanello

 In data 01/06/2013

 

La richiesta, fatta da parte della Nostra associazione, consiste nella individuazione di  spazi in disuso o in degrado,  abbandonati, da recuperare o restaurare, per la creazione di spazi di aggregazioni per le persone.

La nostra associazione, forte di 1400 tesserati al 31/12/2013, cerca una sede dove tenere la propria vita associativa.

Abbiamo tenuto nella precedente sede di Favaro Veneto, a favore dei soci: centri estivi per ragazzi http://www.cheapjerseysgo.com con punte di 45 bambini, giri a cavallo con riunioni di una novantina di traillers, giri in bicicletta nel Bosco wholesale steelers jerseys di Mestre, eventi  con scout ,San Giorgio con oltre 300 ragazzi e in un altro evento nhl jerseys wholesale le prove cucina, corsi di primo soccorso alle persone e  corsi di primo soccorso animali. Abbiamo ospitato studenti francesi e italiani  che tenevano tesi di laurea sui http://www.wholesalejerseys1.com forti del circondario di Mestre, ospitato per la notte camper di turisti stranieri a caccia delle bellezze del paesaggio. Siamo stati teatro di compleanni, di celebrazioni, di vario genere come musica anni 70/80, rassegne di teatro, serate barzellette con “questa la racconto IO” concerti rock, tutti eventi rivolti gratuitamente alla collettività.

 

Abbiamo richiesto parte della barchessa di villa Bianchini a Zianigo, anche in condivisione con altre associazioni, visto il pietoso degrado in cui versa l’area. Provvedendo , nei limiti con nostri fondi, al recupero dell’immobile, alla realizzazione di aree di aggregazione di giovani, come campi da calcetto e bech-wolley consentendo di aggregare le persone in attività “sane” che consentano di stare assieme.

Ci siamo detti disponibili realizzare questo in qualsiasi realtà del comune, non dimostrando particolari affetti per nessun  struttura ma offrendo la disponibilità a trasformare la gestione ed il mantenimento delle strutture comunali da costo ad investimento.

Già le strutture comunali, patrimonio della collettività e gestite come?

Forse il coinvolgimento delle associazioni presenti non consentirebbe di preservare un patrimonio che oggi è affidato per la gestione ed il mantenimento a questa amministrazione?

Patrimonio che domani passeremo alle future generazioni in che condizioni vista l’indifferenza della amministrazione verso questi beni?

 

Risulta difficile per qualsiasi amministrazione dimostrare che i soldi spesi nell’investimento iniziale per l’acquisto, per le  opere di restauro, nel mantenimento dello stesso , vadano a favore della collettività se poi le strutture vengono abbandonate a se stesse e ai danni causati dal tempo e dall’abbandono.

 

Sperando in una diversa lungimiranza, la considerazione del momento economico che impone da parte dei comuni rigorose strette economiche, si auspicano scelte che coinvolgano associazioni e privati, alla conservazione e alla valorizzazione del bene Comune.

 

Per IL FORTE ASD

associazione sportiva è senza fini di lucro

iscritta all’albo delle associazioni presso il comune di Mirano e Venezia

 

Marino Dalle Fratte